Musica: perché aiuta negli allenamenti?

Che moltissimi di noi già facessero sport indossando gli auricolari o ascoltando la musica alla radio è un dato assodato. La musica è sempre stata utilizzata come “intrattenimento” mentre si era intenti ad allenarsi proprio perché talvolta molti esercizi risultano essere noiosi e ripetitivi. La musica è un modo per intrattenersi senza perdere la concentrazione. Essa inoltre ci da l’idea che il tempo possa trascorrere più velocemente. In questo modo, dunque, ci invoglia a proseguire nell’allenamento.

Se prima questa era più un’abitudine che altro, ad oggi, è stato dimostrato che la musica ha un effetto davvero stimolante e che aiuta realmente quando si fa sport. I tipi di musica sono ovviamente molto differenti. A seconda del tipo di sport è stato stabilito che esistono tipologie di musica più adatte di altre.

Come abbinare musica e sport

Per sport più tranquilli è naturale che venga subito in mente una tipologia di musica più tranquilla e rilassante. L’esempio più evidente è rappresentato dallo yoga o dal pilates che già di per se sfruttano la musica a scopi rilassanti. Nonostante questo, però, non bisogna considerare yoga e pilates come sport “leggeri” e non impegnativi. Essi non sono sport in cui si fa molto movimento ma in cui il controllo del corpo, la flessibilità e la forza sono fondamentali.

Queste due discipline allenano il corpo mantenendolo in una posizione precisa. I muscoli devono essere tesi e di conseguenza una musica rilassante può aiutare a mantenere la concentrazione durante lo sforzo.

Al contrario se si sceglieranno allenamenti più intensi che prevedano uno sforzo fisico abbinato al movimento, l’ideale sarà scegliere una tipologia di musica movimentata.

Secondo recenti studi, infatti, l’attività cerebrale durante un’attività fisica movimentata sarà ancora più stimolata da una tipologia di musica movimentata. Le onde cerebrali reagiscono agli impulsi aumentando la resistenza e coordinando corpo e mente.

In questo modo fare attività fisica sarà utile ma anche molto più divertente. Poter sfruttare la musica come aiuto e motore ulteriore durante l’allenamento ha mostrato che quest’ultimo sarà ancora più efficace. La persona che si allena ascoltando la musica sarà in grado di sentire la fatica in modo minore. Di conseguenza sarà indotto ad allungare l’allenamento.

Sforzo fisico e mentale si bilanciano

Lo sforzo fisico viene alleviato da quello mentale attraverso la musica e questa è una buonissima notizia per tutti coloro che magari vorrebbero allenarsi di più ma si annoiano o fanno una fatica eccessiva. Tramite la musica si potranno ascoltare i propri artisti preferiti rendendo l’allenamento meno noioso e più produttivo. L’unica accortezza da usare consiste nella tipologia di musica. Ad allenamenti veloci deve corrispondere una musica altrettanto carica e viceversa per gli allenamenti più soft.

In ogni caso, qualunque sia il vostro tipo di musica, non avete più scuse per non fare sport.

Viagra è il nome commerciale di un farmaco molto popolare e rinomato nel trattamento della disfunzione erettile Priligy