Buddy Guy, il mito del Blues

Buddy Guy è considerato, a tutti gli effetti, uno dei più importanti artisti blues degli anni sessanta. Uno di quei musicisti che si era “fatto da solo” in tutti i sensi, visto che si costruì la sua prima chitarra, se così si può chiamare, da solo usando dei fili di metallo, dei barattoli di vernice e dei chiodi.

Come molte leggende del passato anche Buddy Guy all’inizio della sua carriera stentò a sfondare ma qualcuno di molto importante lo notò: era Muddy Water, altra leggenda del Blues, che notò in quel giovane ragazzo un qualcosa di magico.

Biografia e curiosità

La carriera di Guy cominciò il suo lungo percorso dapprima come musicista da studio e successivamente come frontmen. Il suo stile influenzò musicisti del calibro di Hendrix e Clapton e infiammò il pubblico in memorabili concerti nei 30 anni a seguire.

Cantante e grande chitarrista, iniziò a suonare all’ età di 17 anni, quando ricevette in regalo la sua prima chiatarra, che oggi si può trovare presso la ” Rock and Roll Hall of Fame” di Cleveland. Nel 1957 si trasferì a Chicago, dove ancora oggi abita. Il suo stile musicale ebbe l’influenza di Muddy Waters, grazie alle sue capacità sul palco potè suonare insieme a Junior Wells nei dischi “Hoodoo Man Blues”(1965),”Chicago/The Blues/Today! vol. 1” (1966), “It’s my Life, Baby!” (1966).

Qui di seguito vi proponiamo il video di una fantastica esibizione live di Fever. Un must da godersi tutto fino in fondo cullati dalla meravigliosa voce e chitarra di un artista leggendario come Buddy Guy. Per tutti gli amanti del blues ma, anche per tutti quei giovani che poco conoscono questo meraviglioso mondo.

Una delle più note apparizioni di Buddy Guy è stata quella del concerto tributo a Vaughan, insieme a B.B.King, Robert Cray, Jimmy Vaughan, Bonnie Raitt, Clapton.

I suoi concerti sono stimati da tutti coloro che li hanno frequentati, li definiscono come una vera e propria “esperienza unica”. Questo perchè durante i concerti riusciva a coinvolgere al meglio il pubblico, con la Fender in mano, cantando e proponendo canzoni del suo grande repertorio.

Di seguito vi sono alcune definizioni di Buddy Guy:

  • E’ stato considerato dalla rivista “Rolling Stone” come uno tra “i migliori 100 chitarristi di tutti i tempi”
  • Eric Clapton ha affermato che Buddy Guy è “uno dei migliori chitarristi blues della storia”

Buddy Guy ha un bar in gestione presso Chicago, chiamato “Buddy Guy’s Legend”, dove è facile trovarlo sia a suonare che a servire tra i tavoli!!