Codice tributo 2002: cos’è, a cosa serve e come si calcola?

A che cosa si riferisce il Codice tributo 2002 e come deve essere utilizzato all’interno della compilazione del Modello F24? Questo specifico codice numerico si riferisce all’IRES, ossia all’imposta sul reddito delle società, regolamentato ai sensi dell’articolo 73 del TUIR (DPR 22 dicembre 1986, n. 917).

Codice tributo 2002: che cos’è?

Il Codice tributo 2002 si riferisce all’imposta che dovrà essere versata allo Stato tramite la compilazione del Modello F24 in riferimento all’IRES sul reddito delle società. Ma quali soggetti sono quindi tenuti al versamento dell’imposta siglata nel Codice tributo 2002? 

La legge stabilisce un obbligo di versamento dell’imposta IRES equivalente al reddito delle imprese per quanto riguarda i soggetti: Società di capitali (ovvero srl, srls, spa, sapa); Società di mutua assicurazione residenti in Italia; Società cooperative; Enti pubblici; Enti privati; Trust a prevalente attività commerciale.

L’aliquota fissata per il versamento del Codice tributo 2002 integra un 24% senza scaglioni previsti in base al reddito, applicata nei confronti di tutte le società nella stessa forma in percentuale. Tuttavia l’imposta IRES comprende diversi costi deducibili mutabili di anno in anno a seconda delle diverse regolamentazioni legali, variando di conseguenza le percentuali di deducibilità.

Codice tributo 2002: saldi e acconti

Il Codice tributo 2002 prevede un versamento dell’imposta IRES tramite una serie di saldi e acconti. In riferimento all’anno corrente dovrà essere versato un acconto pari al 100% dell’IRES a debito, in relazione all’anno precedente. All’interno del Modello Unico si dovrà quindi riportare l’importo dell’acconto nel rigo specifico RN34 (differenza).

Nel caso in cui l’acconto si dimostrasse superiore ai 258,00 euro il versamento dell’importo potrà essere suddiviso in due rate pagando il 40% entro il 16 giugno e il  60% entro il 30 novembre di ogni anno. Il saldo dovrà essere versato l’anno successivo in relazione alla dichiarazione dei redditi entro il 30 giugno.

Venendo meno alla scadenza fissata al 30 giugno i soci aziendali potranno ricorrere al versamento entro il 31 luglio seguente, per un ritardo massimo entro il 30 agosto, sotto una maggiorazione pari al 0,40%.

Codice tributo 2002: come compilare il Modello F24

Come procedere alla compilazione del Modello F24 sotto l’inserimento del Codice tributo 2002? Le società potranno regolamentare il versamento tramite un’unica rata oppure attraverso due rate. Nel caso in cui l’importo non superi i 258,00 euro si potrà procedere ad un’unica soluzione, in caso contrario e superiore suddividere la somma in due rate.

La dichiarazione viene considerata tardiva in presenza di una compilazione entro 90 giorni dalla scadenza, omessa invece in caso di compilazione superiore ai 90 giorni. Legalmente, ai sensi dell’art. 1, co. 1 del D. Lgs. 471/1997, vien stabilita e applicata una sanzione dal 120 al 240% a seconda dei casi.

In caso di ritardi consistenti nella presentazione della dichiarazione dell’imposta IRES si pagheranno l’imposta omessa compresa di interessi e della sanzione.In caso di ravvedimento si dovranno indicare il codice tributo 8918 per la sanzione, il codice tributo 1990 per gli interessi legali. 

E con un miglior flusso sanguigno sofferente di disfunzione, abbiamo una migliore erezione.